Tutti in bicicletta... entra la «regina» Nove Colli, granfondo della leggenda

Con tre prove alle spalle - Cervia (gf Selle Italia), Sardegna (gf Costa Smeralda), Bologna (Dieci Colli) -, il Prestigio, maggiore circuito di granfondo italiano istituito dalla rivista Cicloturismo, entra ora nel vivo. Arrivano le classiche, in sostanza, le gare che hanno già fatto la storia del movimento granfondistico.
E tra due domeniche - il 21 giugno - arriverà il momento, a Cesenatico, della Nove Colli, la «regina», con il suo Expo. ormai divenuto luogo cult d’incontro del settore, con il suo lungomare affollato fuori stagione, gli alberghi pieni di corridori, accompagnatori, curiosi..., con la sua storia e il suo mitico percorso, con i suoi personaggi, con i suoi record. A questo proposito, si sussurra, ma siamo solo ai rumors, che quest’edizione, la 36ª, sia destinata ad infrangere il mito dei diecimila partecipanti. Per la bicicletta italica, un autentico record.
Il percorso Due, come sempre, quelli proposti. Il lungo, di 210 chilometri, e il corto di 130 chilometri, con partenza dal Portocanale di Cesenatico alle 6.30. Immutabile il percorso, anche se quest’anno, come abbiamo già scritto, c’è una piccola novità: il gruppo non attraverserà Cesena, come sempre accaduto, per evitare problemi di traffico e congestionamenti di qualsiasi tipo. Per il resto, tante salite, da far paura con i primi caldi, e tanta fatica ma anche immensa soddisfazione. Perché nel palmares di ogni appassionato non può mancare la Nove...
Le salite Come d’abitudine, segnaliamo le salite che attendono i suiveurs con le loro difficoltà. Polenta: 8 km, pendenza massima del 13 per cento; Pieve di Rivoschio: 8 km, pendenza media 4.7 e massima 9 per cento; Ciola: 6 km, pendenza media 5.5 e massima 11%; Barbotto: 5.5 km, pendenza media 6.9 e massima 18%; Monte Tiffi: 3 km, pendenza media 5.8 e massima 16 5; Perticara: 9 km, media del 4.1 e massima del 12 %; Pugliano: 9 km, media del 5.6 e massima del 12 %; Passo delle Siepi: 4 km, media del 5.8 e massima del 7 5; Gorolo: 4 km, media del 6 e massima del 17 %. Ce n’è per tutti gusti, insomma, con particolare segnalazioni per il Barbotto e il Gorolo, per tutti i Moloch della Nove Colli.
La settimana Bici, ancora bici, sempre bici. La settimana della Nove Colli e tutta Cesenatico e dintorni vivono i giorni che precedono la Nove come una grandissima festa. Si comincia il 14 maggio, domenica prossima, con la Nove Colli off road, partenza ed arrivo a Montiano. Il 17, a metà settimana, si conclude la Monaco-Cesenatico, tradizionale kermesse in varie tappe che «sposa» la Baviera alla Romagna. Nello stesso giorno parte la Nove Colli a piedi, gara podistica, mentre il giorno successivo, il 18, ci sarà un importante covegno dedicato alla due ruote dal titolo «Cesenatico, città del ciclismo e del cicloturismo». Nel pomeriggio, altri due eventi: l’inaugurazione ufficiale dello «Spazio Pantani», in ricordo dello sfortunato figlio della cittadina romagnola, l’indimenticato Pirata, e, di seguito, l’ apertura della undicesima edizione dell’Expo «Ciclo&Vento».
E ancora: la Cronoscalata della Ciocca, la Pedalata nottuirna in mtb a Roncofreddo, l’elezione di Miss Bike, la Nove Colli Running, una «corsetta» di 200 chilometria piedi.
Poi, stop, finalmente si pedala ed entrerà in scena la regina Nove Colli.
Altre prove In giugno, dopo l’abbuffata di salite appenniniche, il Prestigio porterà i conocorrenti su e giù per le Dolomiti. la prima prova in programma, il 18 giugno, sarà la 12ª edizione della Campagnolo a Feltre (dove viene organizzata da Ivan Pio), anche la attesissima 24 ore di Feltre, che ha annunciato importanti novità nel percorso. Novità legate alle partecipazioni sempre più massicce - e questo è un buon segno - e ai conseguenti problemi logistico-organizzativi - e questo lo è meno. Presentazione dell’evento Campagnolo il 1° di giugno sulle colline che sovrastano Feltre.
Subito dopo si pedalerà sulle strade della Maratona (Corvara) per poi passare alla Pinarello, a Treviso, che per il suo decimo anno di vita sta facendo le cose in grande, soprattutto per le feste e le iniziative che la renderanno ricchissima e molto appetita dagli appassionati. Il lungo sarà di 200 chilometri con un dislivello di 2.500 metri.