Tutti in festa per «Boss» Springsteen

Una notte aspettando l'uscita di «Working On A Dream», l'album numero 24 in carriera del Boss. Una festa in piena regola per celebrare il rock sanguigno di Bruce Springsteen e della sua «E Street Band», per altro orfana del batterista Danny Federici, scomparso nell'aprile scorso, a cui il nuovo disco (in due versioni: un cd di 13 canzoni e un cd più Dvd di 40 minuti che contiene un ulteriore nuovo brano, «A Night With the Jersey Devil») è stato interamente dedicato. A organizzare la «Festa per il Boss» (stasera dalle 21.30 in avanti al Rolling Stone, corso XXII Marzo 32, ingresso libero garantito a chi presenterà l’invito ritirato alla Fnac o scaricato dal sito fnac.it) c’è Fnac in collaborazione con Radio Popolare. Si inizia con un dj-set a tema di Claudio Agostoni, che passerà poi il microfono alla giornalista musicale Marina Petrillo, che guiderà l'ascolto in anteprima dell'album. Lavoro in cui la rinnovata vena creativa del Boss, a detta della critica, ha indubbiamente molto a che fare con il nuovo corso politico degli Stati Uniti targato Barack Obama, identificato come il paladino di un nuovo sogno americano. Non a caso quasi tutto il disco, un concentrato di ottimismo applicato al rock, è stato scritto e composto mentre partecipava alla campagna elettorale del neo presidente.
Quindi, largo alla musica dal vivo: con una rilettura acustica del repertorio Springsteeniano proposta dal cantautore Luca Gemma e con il rock classico ed elettrico degli italianissimi Cheap Wine. Guest star lo statunitense Elliott Murphy, che ha dalla sua più di trent'anni di cantautorato rock di eccellente fattura. Allo scoccare della mezzanotte, sarà possibile acquistare il nuovo disco.