Tutti i consigli per evitare le fregature

Saldi al riparo dalle fregature. Telefono Blu ed Sos Consumatori hanno attivato un centralino per segnalare gli eventuali casi di difformità (199.44.33.78) e un portale per inviare e.mail (www.sosconsumatori.it, valido per tutte le regioni) dove segnalare presunte irregolarità.
Per far valere i propri diritti, i consigli dell’associazione sono sostanzialmente cinque: 1) ricordarsi il capo che ci interessa (o fotografarlo) e il suo prezzo per capire l’esatto sconto. Quello è il vero saldo, nelle promozioni invece si può trovare merce invenduta degli anni precedenti. Diffidare anche di sconti superiori al 50 per cento; 2) gli articoli esposti per legge devono riportare ben chiaro i due prezzi, quello «pieno» e quello in saldo (percentuale). Le merci con sconti e ribassi devono essere separate in modo chiaro e inequivocabile da quelle non rientranti nella promozione. I prezzi sono quelli esposti e non quelli al banco e devono essere praticati senza limitazioni di quantità e senza abbinamento di vendita fino alla fine delle scorte; 3) attenzione alle etichette, quelle di origine ci permettono di risalire al produttore, quelle di contenuto garantiscono la composizione del prodotto e le modalità di lavaggio per evitare rischi; 4) conservare sempre lo scontrino. Se la merce è difettosa, si può infatti optare per la restituzione del prodotto o un prezzo ancora inferiore; 5) infine, salvo casi eccezionali e comprovati, non si può vietare di «provare» la merce in vendita.