Tutti i gay corrono a sposarsi

Durante la campagna elettorale Rajoy, accreditato dagli ultimi sondaggi di una vittoria con maggioranza assoluta, ha mantenuto un cauto silenzio sulla questione: sta di fatto che secondo i sondaggi i due terzi degli spagnoli sostengono i matrimoni gay, uno dei livelli più elevati in Europa. Il leader e candidato premier del Pp però l’anno scorso aveva dichiarato di essere in disaccordo con il termine «matrimonio» per i gay. Così, nel timore di una sua vittoria e quindi dell’abolizione della legge, un’ondata di matrimoni omosessuali si è registrata in Spagna negli ultimi mesi. Già in agosto si erano registrate 143 nozze gay rispetto alle 110 dello stesso mese del 2010, e nel mese di settembre, nelle grandi città come Madrid, Barcellona o Valencia, gli aumenti sono stati del 40% rispetto al mese precedente. Tanto che il mese scorso il sindaco di Jun, un paesino in provincia di Granada, ha lanciato dal suo account Twitter un’iniziativa per sposare «al volo» le coppie gay prima che sia troppo tardi. Dl 2005 in Spagna sono state celebrate oltre 24.000 nozze gay