Tutti i sensi per stupire con stile nel giorno del "sì"

A Sì Sposaitalia "Il Matrimonio dei Sensi" è un'area particolare, pensata e realizzata come scrigno che racchiude proposte curiose e divertenti, dettagli di stile per a sposa, lo sposo, i bambini per realizzare una cerimonia nuziale "non solo bianco"

Il matrimonio è anche un fatto di stile, di cura dei dettagli per la cerimonia ma non solo e a Sì Sposaitalia 2019, in corso a fieramilanocity fino a lunedì 8 febbraio, c’è la deliziosa, curiosa area presentata come una “camera delle meraviglie” che suscita l’interesse dei buyer: Il matrimonio dei Sensi. Una sorta di suggestivo scrigno che racchiude proposte particolari che interessano e stimolano i cinque sensi. Capsule collection, accessori, oggetti e divagazioni vanitose sul tema "non solo bianco". Il mondo del bridal visto con altri occhi fra curiosità e scoperte che possono dare un tocco in più alla giornata del “sì”.

“L’idea di presentare questo tipo di proposte per un matrimonio diverso è nata vent’anni fa da un’idea mia e di Fabrizio Ferri, delll’Università dell’Immagine - spiega la curatrice Gabriella Giamminola - e negli anni ha seguito l’evoluzione dei gusti che è rappresentata dal logo a spirale aperta un matrimonio aperto ai cinque sensi a cui abbiamo abbiamo aggiunto il sesto, come diceva Fabrizio, quello della sensibilità. Qui rappresentiamo anche il senso del cambiamento e per questo Fiera Milano ha voluto un’area evento dove i visitatore trovassero qualcosa di particolare, di diverso che li stupisse”.
“A partire dalla profumazione, ad esempio, perché chi entra è avvolto da un’ essenza naturale creata con erbe officinali della Sardegna - prosegue Gabriella Giamminola - e per il tatto ci sono le sete degli abiti, il cachemire, panche realizzate da artisti per Gobbetto resine comodo e belle da vedere. Una novità di quest’anno è la presenza di piante e fiori che non sono veri ma trasmettono le stesse emozioni visive e il loro profumo, compresi i bouquet per la sposa che sono eterni. Molte coppie oggi scelgono infatti il matrimonio etico, sostenibile, senza fiori recisi e in questo modo si possono realizzare allestimenti bellissimi”.

Così Il Matrimonio dei Sensi propone dissertazioni sull’abito (Sartoria Bassani, Antonella Rossi, Elisabetta Delogu, Poesie Sposa) e grande attenzione al dopo-abito con la lingerie di Annagiulia Firenze e la capsule “Gioco” di Elisabetta Delogu. Celebrano l’artigianalità femminile Le Gioconda: la linea in cashmere - abito compreso - di Rêve Energétique e le magiche borse dipinte a mano o realizzate con tessuti veneziani nati su antichi telai di Daniela Bentivoglio.
I 120 modelli di Gerla Fedi interpretano l’anello nuziale e ci sono le proposte preziose contemporanee di Cristina Bombardi. Sul fronte beauty ecco make up, acconciature e strategie di bellezza “dalla testa ai piedi” per Beautick che si possono anche vedere live come le fantasiose le manicure di Jaia Fashion Art Studio con dettagli preziosi com e l’unghia decorata applicando un dettaglio dell’abito da sposa come ad esempio una rifinitura in pizzo. Blooming Officinali offre lo skincare realizzato con le erbe biologiche coltivate in Sardegna e per la decorazione Anaïs Atelier mette in mostra fiori e piante che non soffrono, non appassiscono, una natura illusoria disposta a creare emozione.
Dettagli di stile anche per lo sposo con la Sartoria Uomo Sanvenero e per i bambini sempre invitati speciali: la carrozzina total white di Inglesina, gli abitini indipendenti o coordinati alla sposa di Atelier Kore e le scarpine fiabesche di Sonatina. E sulla testa i cappelli di Chapeau Flambé.
Per ricevere, per chiacchierare, per condividere, nell’area è stato allestito anche un delizioso angolo lounge dove T’a Milano cura una raffinata degustazione di cioccolato accompagnata dai vini di Wine&Wedding che da sempre propone cerimonie tra i filari d’uva.