Tutti pazzi per il Festival della Mente

L’appuntamento per tutti quelli che amano la creatività e i processi creativi, per chi vuol scoprire i segreti dei pensieri e confrontarsi con scienziati, filosofi, scrittori, artisti italiani e stranieri è a Sarzana dal 2 al 4 settembre con l’ottava edizione del Festival della Mente. Rassegna con numeri da record, oltre quaranta mila le presenze negli anni passati, il festival ideato e progettato da Giulia Cogoli è dedicato a tutti: grandi e piccoli, di qualsiasi età e formazione culturale per parlare di creatività appunto attraverso la testimonianza di pensatori, creativi, teorici, studiosi della mente e del pensiero con laboratori, lezioni, spettacoli.
Ecco alcuni nomi degli ospiti invitati a questa edizione 2011. La filosofa Chiara saraceno che apre il programma con una lectio sul tema delle disparità economiche. Il filosofo e sociologo Zygmunt Bauman che propone una riflessione sulla grande differenza fra comunità e rete, sul successo dei social network, Facebook e la loro ricaduta sociale. E ancora, gli storici Adriano Prosperi per un’analisi tra delitto e perdono, tra punizione e rieducazione.
Il critico Ranieri Polese in un dialogo con la scrittrice spagnola Almudena Grandes sulla storia della guerra civile spagnola. Due anteprime assolute per il cinema, il teatro e la musica con l’attore Giuseppe Battiston e il cantautore Gianmaria Testa che presenteranno il loro nuovo spettacolo «Italy» dedicato a Pascoli. Silvio Orlando poterà in scena il dialogo etico-filosofico di Diderot «Il nipote di Rameau».
Per la musica, il violinista Alexander Balanescu e il Balanescu Quartet accompagnano l’attore e regista Pippo Delbono nello spettacolo concerto Amore e carne, sulle parole di Pasolini, Rimbaud ed Eliot. E ancora i filosofi Savatore Veca, Franca D’Agostini, Michela Marzano. Dedicati a bambini e ragazzi quaranta iniziative tra laboratori, spettacoli, incontri, cacce al tesoro e serate per tutte le età dai 4 ai 14 anni.