Tutti pazzi per i saldi. Città nel caos

Tra gli effetti collaterali della crisi c’è stata un’Epifania di shopping compulsivo: l’Italia ha chiuso per saldi. Da via Condotti a Roma al Quadrilatero milanese, città paralizzate dalla folla e dal traffico. Sarà perché negli ultimi mesi le ricette recessive del governo Monti hanno depresso i consumi, ma - stando al colpo d’occhio - gli italiani hanno colto l’occasione delle svendite di inizio anno per fare incetta di capi griffati e accessori d’occasione. Così, dopo il primo giorno deludente, ieri i negozi sono stati presi d’assalto. Confcommercio conferma: sette italiani su dieci non rinunceranno agli sconti nemmeno quest’anno e spenderanno oltre 2,4 miliardi di euro. E l’economia, finalmente, potrebbe tirare un sospiro di sollievo.