Tutti pazzi per l’hockey

da Torino

Già fredda per conto proprio e per di più infreddolita dal gelo di queste ore, a 77 giorni dai Giochi della neve, inaugurazione il 10 febbraio, Torino si è scaldata nella vendita dei biglietti: via Internet, telefonicamente e talvolta passando attraverso i botteghini, già 500.000 biglietti, cioè il 60 per cento della disponibilità assoluta, ha trovato un proprietario. Il Comitato organizzatore, che conta di incassare in totale 76 milioni di euro, ha già potuto introitarne, dunque, più della metà.
I biglietti sono stati acquistati soprattutto all’estero (360.000), con punte negli Stati Uniti, Canada e Giappone per i Paesi extraeuropei e Francia, Germania, Svizzera e Norvegia per quelli del Vecchio Continente. Gli appassionati italiani si sono già accaparrati 140.000 biglietti.
Tra gli sport, nell’interesse degli spettatori che vogliono presenziare direttamente all’avvenimento, preferendo una poltrona in tribuna a quella di casa propria, davanti alla tv, la parte del leone la fa l’hockey, con 144.000 tagliandi già acquistati, poi vengono pattinaggio di velocità, quello di figura, sci alpino e sci di fondo.