Tutti pazzi per Rossana Doll

Mannaggia, tutta colpa di una ragazzona bionda e molto appariscente che si affaccia alla finestra di casa sua, a Bari, e saluta vigorosamente gli azzurrini di Tardelli, impegnati ai Giochi del Mediterraneo nel capoluogo pugliese. Non ci sarebbe nulla di male, anche se quella ragazzona si chiama Rossana Di Piero, che forse è più conosciuta se non ricorre al cognome vero e si presenta come Rossana Doll. Il fatto è che il cordiale saluto di Rossana viene contraccambiato da alcuni azzurrini. Uno scambio di cortesie che sembra andar oltre il normale incitamento calcistico e che spinge qualche cronista ad approfondire il feeling.
Lei, Rossana Doll, non si fa problemi a esibirsi nei locali hard e a girare i film più spinti possibili. Figurarsi se arrossisce per ammettere che sì, qualche giocatore della nazionale giovanile di Tardelli lo ha conosciuto. E non proprio dall’album delle figurine Panini. Il resto lo fa il suo recentissimo curriculum, fatto di diverse performance in un noto locale genovese. Di quella squadra azzurra impegnata a Bari facevano parte due giocatori della Sampdoria, Emanuele Pesaresi e Matteo Sereni. La porno star è tipa da non risparmiarsi, neppure nelle parole. E racconta di festini a base di sesso organizzati a Genova, ai quali partecipavano, molto volentieri, diversi calciatori della Sampdoria. La caccia agli atleti dai ritiri «facili» parte spietata. Nessuna certezza, alla fine. Tranne quella che sì, i festini blucerchiati erano una realtà.
\