Tutto esaurito, anche i vigili per il Natale

Nessun allarme per l’ordine pubblico, solo preoccupazione per il traffico causa shopping

Un 267° derby della Madonnina (il numero 169 in serie A) a due giorni da Natale, l'occasione ideale per chiudere l'anno agonistico di Inter e Milan, squadre che con le loro vittorie nel 2007 «gonfiano d'orgoglio il petto di tutti i milanesi» come ricorda Galliani alla vigilia, annunciando il debutto della nuova maglia con la scritta «il club più titolato al mondo» ricamata sul petto, frutto dell'impresa rossonera a Yokohama.
La stracittadina - che per il secondo anno consecutivo cade in occasione delle festività natalizie - è probabilmente l'unico derby in Italia a non diventare il pretesto per violenze tra ultrà. C’è rispetto tra le due società. A rasserenare ulteriormente la situazione sono proprio i protagonisti della supersfida: «Il Milan è Campione del Mondo. Quindi loro sono i favoriti e noi dovremo dimostrare di essere alla loro altezza», ha detto scaramantico Materazzi. «L'Inter, in questo momento, è la più forte d'Italia, forse anche d'Europa; ci vorrà una grandissima partita per portare a casa il risultato», gli ha fatto eco l'ex compagno in nerazzurro Seedorf.
Dunque i presupposti perché quella di oggi pomeriggio (fischio d'inizio alle ore 15, arbitra Morganti, alla sua prima esperienza nel derby meneghino) sia una bella giornata all'insegna dello sport si sono tutti. Il pubblico è quello dei grandi appuntamenti, 83.595 spettatori previsti. L'unico problema è di natura extrasportiva: secondo i dati diffusi dall'Osservatorio di Milano, circa l'80% dei milanesi trascorreranno infatti le festività senza spostarsi dal capoluogo. E molti di questi oggi saranno ancora in giro per negozi a caccia degli ultimi regali di Natale: «Non sono state previste misure particolari, ma la giornata si presenta piuttosto complicata sotto il profilo della gestione della viabilità - fanno sapere dalla centrale operativa della polizia -, perché, oltre a quanti sono rimasti in città, bisognerà far fronte anche al flusso di traffico in ingresso, che porterà a Milano molta gente. Sia per i regali sia per la partita».
Per l'occasione anche San Siro avrà anche il suo personalissimo regalo di Natale: è previsto il debutto di uno dei due nuovi maxischermi (l'altro entrerà in funzione solo a inizio anno). Un investimento da oltre due milioni di euro per rimpiazzare il vecchio impianto risalente ai Mondiali del '90. È Natale anche per il Meazza.