Tutto il misticismo di addestrare un terribile astore

Un rifugio, tra le brume della campagna inglese, in esilio dal mondo e dal tempo. Un trattato di falconeria del 1619. Terence Hanbury White, «uomo demoniaco e brillantissimo», si ritira, nel 1937, in una selvatica clausura tentando di addestrare un astore, «aristocratico erede del Sacro Romano Impero». Ne sorge un libro mistico («Spogliarsi dei beni superflui e innanzitutto degli altri esseri umani: è questo il compito della vita») e crudele, sul rapporto tra uomo e animale. Nulla a che vedere con Disney, anche se White è l'autore de La spada nella roccia.

Davide Brullo