Tutto Stravinskij minuto per minuto

Musicista o attore? Lui ama definirsi musicattore, «colui che sa integrare più discipline in un’idea di teatro totale», e mai termine è stato più appropriato. Parliamo del genovese Luigi Maio, poliedrica figura di mattatore la cui interpretazione dell’«Histoire du soldat» gli è valsa il Premio della critica teatrale 2004-2005 e la definizione di «attore stravinskijano». Ora la sua «Histoire», dove Maio dà vita indifferentemente ai personaggi del soldato, del diavolo, del narratore e della principessa, è salito ancora agli onori della cronaca, dopo che la raffinata rivista Amadeus gli ha dedicato il numero di novembre. Tutta l’«Histoire» minuto per minuto, quindi, più allegato un prezioso cd che riporta l’opera di Stravinskij.
Un capolavoro senza tempo per tutte le età dove, oltre a Luigi Maio musicattore, troviamo Domanico Nordio al violino, Fabrizio Meloni al clarinetto, Giorgio Tomassi al pianoforte con I Solisti della Scala. Un’opera davvero adatta ai banbini? «I bambini sanno selezionare - spiega Maio - ciò che a loro interessa veramente. Lasciano lì quello che non comprendono, salvo ripescarlo, prima o poi». Il diavolo ha una presenza importante nell’opera. «Certo - conclude Maio - e io gli venderei l’anima ancora pur di aver la fortuna di suonare, come in questo cd, con grandi musicisti e amici com Nordio e i Solisti della Scala. Con loro sono in comunque in paradiso».
Ma questa sera, gli estimantori di Luigi Maio potranno applaudirlo all’auditorium delle Clarisse di Rapallo nell’horror comedy «La camera di Erich Zann», scritta, diretta e interpretata dallo stesso Luigi Maio su musiche sue e di Enrico Correggia. Sul palco, con Maio, Francesca Faiella. Lo spettacolo fa parte della programmazione natalizia dell’Accademia culturale di Rapallo in collaborazione con il Comune e con il patrocinio dell’Unicef, di cui Maio e ambasciatore.