La tv è ancora più Smart: impara i gusti di chi guarda

Una volta sceglievamo la tv e non era mica tanto tempo fa. L'evoluzione dei nostri schermi, insomma, sta stravolgendo il mercato nel giro di mesi ed ecco che provare una Smart Tv diventa sempre un'esperienza diversa. Ad esempio con le ultime nate di casa Samsung, le serie F7000 e F8000 che - aggiungendo una «S» finale - stanno proprio a significare che ormai è la tv a scegliere te. E soprattutto per te. D'altro canto, una recente ricerca effettuata in collaborazione con Eurisko ha portato alla luce numeri e concetti incontrastabili. Ad esempio. solo il 10% degli italiani oggi sceglierebbe di portare ancora nella propria casa un tv tradizionale, oltre il 70% della popolazione interpellata (e si tratta di un camione di 800 persone tra i 30 e i 54 anni) è convinta di poter migliorare la propria esperienza di intrattenimento attraverso una Smart Tv che risponde a nuove richieste come «cosa ho voglia di vedere?» (55%) e «cosa mi potrebbe piacere, che ancora non conosco?» (41%). Più varietà e qualità, insomma, il motivo per cui si sceglie un apparecchio di ultima generazione che consente non solo la visione dei programmi ma anche l'interattività con social network e programmi di videochiamate.
In pratica: Smart Tv significa un vero e proprio strumento di condivisione. Ed infatti l'84% del campione la ritiene un utile strumento di condivisione dei contenuti (foto, video, giochi) che possono passare da smartphone o tablet al grande schermo, il 76% ne apprezza la possibilità di effettuare videochiamate, e il 65% la pensa come punto di partenza per scoprire e scegliere i contenuti TV da guardare anche grazie alla crescente presenza di applicazioni dedicate e quindi non solo sulla base di un palinsesto, ma anche grazie ai gusti e ai suggerimenti dei propri amici.
Dietro a tutti questi numeri poi c'è il prodotto che, provato sul campo, riserva sorprese. Sia sulla qualità d'immagine, sia nei contenuti e nella fruibilità, visto che le Smart Tv di ultima generazione (che tra l'altro hanno di serie un kit che permette di aggiornare il software senza dover cambiare tutto lìapparecchio) sono gestibili grazie a comandi vocali o gestuali e hanno già precaricate applicazioni che consentono, ad esempio, di scegliersi un film in libertà da guardare nel momento preferito. C'è infine la «S», ovvero quel S-reccomandation che in sintesi permette alla tv di «imparare» i gusti dell'utente e di consigliare quindi nella schermata iniziale i programmi più vicini al palinsesto ideale. Un'invenzione questa che - davvero - funziona. E che cambierà la nostra vita vista dal divano.