Tv d’ateneo, Internet e più posti nei collegi

Giovanni Buzzatti

Sette corsi di laurea in meno al triennio e due novità tra i +2, le specialistiche. Tasse ritoccate verso l’alto (da 50 a 170 euro al triennio, in media del 3 per cento), «ripagate» da un aumento dei posti letto nei collegi, 65, e dalla conferma dei benefici per i più bravi: 20 per cento di sconto a chi è in regola con gli esami alla fine del secondo anno, 10 per cento a chi completa nei tempi previsti la laurea triennale e si iscrive al +2. «Siamo vincolati a regole e procedure non decise da noi - ricorda il rettore della Cattolica, Lorenzo Ornaghi, che ieri ha presentato corsi e iniziative per il prossimo anno accademico -. Ma in futuro potrebbero esserci dei cambiamenti: gli incentivi al merito sono una cosa a cui tengo particolarmente».
Da ottobre, intanto, gli studenti avranno a disposizione nuovi servizi. Attraverso il sito Internet dell’ateneo potranno accedere a un’area personale dove verranno recapitate tutte le comunicazioni che li riguardano (orari, resoconto dei pagamenti, voti degli esami). E sarà più facile dialogare con docenti e segreterie, sempre attraverso il computer. «L’80 per cento dei nostri studenti arriva da fuori città - ricordano alla Cattolica -. Così potranno evitare qualche viaggio a Milano».
L’Università, poi, avrà presto una sua televisione. Nel chiostro dell’ateneo è in funzione il primo dei nove monitor sui quali scorreranno notizie, orari delle lezioni, date degli esami. «Ci proiettiamo nel futuro, restando legati però alla nostra storia - spiega Ornaghi -. Molti atenei hanno rinunciato a fare ricerca e si dedicano solo alla formazione. Noi continueremo a investire in entrambi i campi. Abbiamo 150 docenti esteri e studenti da 120 Paesi. Che hanno scelto la Cattolica anche per i risultati ottenuti nella ricerca».
All’ateneo (cinque sedi in Italia, 41mila studenti, 28mila dei quali a Milano) si aprono oggi le immatricolazioni per Giurisprudenza e Lettere e filosofia. Poi toccherà via via alle altre facoltà. Gli studenti troveranno sette lauree triennali in meno (frutto di accorpamenti a Scienze linguistiche e Lettere e filosofia) e le due nuove specialistiche Economia delle aziende di assicurazione e di previdenza e Mercati e strategie d’impresa. Quanto ai master, si punterà sulla collaborazione con atenei stranieri e organizzazioni internazionali. Gli studenti stranieri (955, il 2,2 per cento del totale) sono aumentati del 20 per cento in tre anni. L’Africa è il continente più rappresentato.
È stata presentata poi l’azienda fondata dall’ateneo e da suoi ricercatori nel campo dei fermenti lattici. «Così quattro ex ricercatrici potranno continuare a studiare la materia - spiega Lorenzo Morelli, docente di Biotecnologie delle fermentazioni alla sede di Piacenza -. E sarà più facile collaborare con le aziende». Ultima novità, la linea di abbigliamento sportivo. Con il simbolo dell’ateneo.