Tv: è morto Gigi Sabani, stroncato da un infarto

Mondo dello spettacolo in lutto per la scomparsa dell'imitatore e presentatore: aveva 54 anni. Nel 1979 il suo esordio in tv. Coinvolto inuna vicenda di corruzione, fu assolto e risarcito per i 13 giorni trascorsi ai domiciliari. Domani i funerali

Roma - E' morto il presentatore Gigi Sabani, 54 anni, per attacco cardiaco. La notizia è stata pubblicata in prima pagina dal Messaggero. I funerali si svolgeranno domani nella Chiesa degli Artisti a Roma, in piazza del Popolo, con inizio alle 10,30. Lo ha affermato il suo manager storico, Roberto Arcanà.

Nato a Roma nel 1952, Gigi Sabani esordì in televisione nel 1979 su Raiuno, in occasione della manifestazione La Gondola d'oro di Venezia. Si impose immediatamente per le sue incredibili capacità di imitatore, che aveva già mostrato in pubblico nella trasmissione radiofonica La Corrida, condotta da Corrado, replicando la voce di cantanti famosi. Ma fu quella performance di circa quattro minuti in tv a farlo notare da Pippo Baudo, che lo ingaggiò a Domenica in nel 1979, confermandolo poi nelle edizioni '81 e '82 di Fantastico, il fortunato varietà del sabato sera. Sabani si affermò così come il più celebre imitatore della nuova tv, passando poi, già nel 1983, sulle reti Mediaset, prima con Premiatissima su Canale 5, poi conducendo in proprio un programma, Ok Il prezzo é giusto su Italia 1, che l'anno dopo vinse anche un premio come migliore edizione del format americano Ok The price is right.

L'artista torna in Rai nel 1987 accanto a Ramona Dell'Abate per il programma pomeridiano di Raidue Chi tiriamo in ballo? e conduce, sempre su Raidue, ma nell'estate del 1990, Stasera mi butto. Il cerchio si chiude nel 1991 quando, considerato ormai volto tra i più popolari della rete ammiraglia Rai, gli viene affidata la conduzione di Domenica in, proprio dove Baudo l'aveva fatto esordire 11 anni prima. Nell'autunno dello stesso anno conduce il programma itinerante Piacere Raiuno e nel 1992 presenta all'Expo di Genova, nell'ambito del gran galà di apertura delle Colombiane, Un biglietto per...la canzone del secolo, sfida canora abbinata alla Lotteria europea. Tra gli altri programmi condotti all'inizio degli anni Novanta c'é il preserale di Raiuno Ci siamo!? e lo show del sabato sera di Raidue Il grande gioco dell'oca. Poi su Italia 1, nel 1995 e '96, 'Re per una notté, gara tra sosia di cantanti. E' a questo punto che la sua carriera si interrompe bruscamente perché nell'estate di quell'anno Sabani viene coinvolto nella vicenda giudiziaria legata alla corruzione nel mondo dello spettacolo in conseguenza delle dichiarazioni di Raffaella Zardo. Viene però scagionato e anche risarcito per i 13 giorni di detenzione trascorsi agli arresti domiciliari.

Tra i primi a riaccoglierlo in tv e a dargli possibilità di parola il Maurizio Costanzo Show su Canale 5. Il ritorno in tv come conduttore riparte da Retequattro, ma nel '99 e gia' su Raiuno, per due anni consecutivi, con il programma Sette per uno accanto a Rosita Celentano e Samantha De Grenet. Il passaggio successivo è alla conduzione di La sai l'ultima? su Canale 5 accanto a Natalia Estrada e poi di nuovo in Rai, su Raidue, nella stagione 2002-2003 per la conduzione de I fatti vostri, lo storico programma del mezzogiorno di Michele Guardì.