Ubi, Brescia «salva» l’informatica

da Milano

Brescia «salva» il proprio sistema informatico ma Bergamo allarga l’influenza sulla vita di Ubi, occupando le caselle «operative» del risk management e dell’organizzazione. Il gioco di «compensazioni» è stato ieri sul tavolo del consiglio di gestione della superpopolare, ufficialmente impegnato a varare il piano industriale: oltre 1,4 miliardi l’utile atteso al 2010, a fronte di un Roe superiore al 16% (400 milioni le sinergie, 390 milioni gli oneri di integrazione). Giro di deleghe anche per il vicedirettore generale Ettore Medda che perde le competenze sul bilancio per occuparsi di estero e dell’area finanza.
Il compromesso, modifica, almeno parzialmente, l’iniziale assetto che vedeva gli uomini dell’ex Bpu egemoni sulle strategie e Banca Lombarda presidiare la gestione del gruppo. Ogni delega operativa rimane in ogni caso nelle mani dell’ad Giampiero Auletta Armenise: 1,3 euro il dividendo unitario atteso a fine piano, quando Ubi avrà superato i 2mila sportelli grazie a 140 aperture (61, invece, le filiali da cedere per limiti Antitrust). Quanto alle fabbriche prodotto Capitalgest confluirà in Ubi Pramerica. Brescia, tuttavia, mantiene in vita Lombarda Sistemi & Servizi, la controllata che dovrà quindi gestire il software dell’intero gruppo: l’ad sarà Elvio Sonnino accanto al presidente Pierangelo Rigamonti. La variabile del software è stata una decisione sofferta per il gruppo fino a provocare un doppio passaggio a vuoto in consiglio di gestione. Per uscire dall’impasse Ubi ha accarezzato l’idea di un «arbitrato» affidato a un advisor tecnico terzo rispetto agli stessi consulenti di McKinsey. Poi l’intervento di Bankitalia sui vertici e la soluzione del groviglio sancita ieri ma già abbozzata nella precedente riunione. Rimane tuttavia il nodo degli esuberi: le stime ufficiose si attestano a quota 1.900 contro i 1.300 addetti preventivati. Cui si aggiunge la necessità di scegliere entro settembre chi avrà le deleghe sulle risorse umane ora occupate ad interim dal vicedirettore generale Graziano Caldiani.