Ubriaco in aereo fa una strage in autostrada

da Washington

Sbarcato ubriaco fradicio da un aereo atterrato nel New Mexico, Dana Papst si è messo al volante della sua vettura alla volta di Santa Fe. Ma poco dopo è finito nella corsia opposta, investendo un minivan con sei persone a bordo. Nell’incidente hanno perduto la vita sei persone: cinque passeggeri del minivan e lo stesso Papst.
Adesso il New Mexico ha proibito alla compagnia aerea US Airways di dare ai passeggeri bevande alcoliche nei voli diretti allo Stato. Dall'inchiesta è infatti emerso che Papst era salito sull'aereo a Phoenix (Arizona) già visibilmente ubriaco e per tutto il volo verso Albuquerque (New Mexico) aveva continuato a bere senza sosta.
La vicenda ha avviato un insolito caso legale. La Us Airways non ha mai chiesto una licenza al New Mexico per vendere liquori, anche se numerosi dei suoi voli giungono negli aeroporti dello Stato.
I legali della compagnia sostengono che la licenza non serve.
Le leggi statali vengono infatti applicate solo mentre l'aereo è sulla pista. Ma quando gli aerei sono in volo non devono rispondere alle leggi degli Stati che sorvolano. Poiché i liquori sono serviti ai passeggeri mentre il velivolo è tra le nuvole la licenza per la vendita di bevande alcoliche non è necessaria, sostengono gli avvocati della US Airways.