Ubriaco e drogato investì undici persone Condannato a tre anni e subito libero

Tre anni di reclusione. È questa la condanna comminata al termine rito abbreviato a Bruno Radosavljevic, 26 anni, il torinese di origine croata che il 5 novembre scorso, al volante di una Bmw investì a Roma 11 persone che attendevano l’autobus in via dei Romagnoli, nella zona periferica di Acilia. L’uomo era sotto l’effetto di alcol e stupefacenti. Il gup Giovanni De Donato, che ha derubricato il reato da lesioni gravissime volontarie a lesioni dolose, ha anche disposto la revoca dei domiciliari per il croato disponendo l’obbligo di firma per tre volte alla settimana.
Secondo il capo di imputazione, formulato dal pm Delia Cardia, l’imputato percorreva «via dei Romagnoli in direzione di Ostia Antica a forte velocità, certamente inadeguata alle caratteristiche della strada e tenuto conto dell’ora e della presenza di traffico di veicoli e pedoni perdeva improvvisamente il controllo dell’auto investendo 11 persone e finendo la sua corsa contro un palo».
All’imputato, che rispondeva anche di guida in stato di ebbrezza e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, è stata inflitta la multa di 2mila euro. A due parti civili è stata riconosciuta ciascuna una provvisionale di 15mila euro. Una delle persone investite dal croato rimase a lungo in pericolo di vita.