Ubriaco alla guida, romeno uccide un uomo Poi va al bar per una birra

Schianto sulla Prenestina. Ubriaco su un'auto rubata, il romeno uccide un uomo e ferisce gravemente una donna. Non presta soccorso, ma va in un bar per bere ancora. Rischia il linciaggio della folla

Roma - La dinamica sconvolge, abbruttusce, irrita. C'è il guidatore di un'auto che, ubriaco guida giocando a bowling con le vite di altre persone. C'è una seconda auto che arriva nel senso opposto. Lo schianto. Le lamine che saltano. Il frontale mortale. Un ragazzo perde la vita. Il guidatore ubriaco non si fa niente, non si cura dell'accaduto, non presta aiuto, continua la propria serata alcolica: entra in un altro bar e ordina l'ennesima birra della nottata. Succede a Roma.

Il tragico incidente Un romeno ubriaco ha ucciso a Roma, con una macchina che aveva appena rubato, un uomo e ferendo gravemente una donna. Il dramma, secondo una prima ricostruzione, è avvenuto la scorsa notte sulla via Prenestina all’altezza del raccordo anulare. Dalle prime ricostruzioni sembra che il romeno, dopo aver rubato una Peugeot 307, abbia imboccato la via Prenestina zizzagando da una corsia all’altra fino a centrare una Daewoo su cui viaggiava una coppia. Nell’impatto il conducente è morto sul colpo e la donna è rimasta gravemente ferita. Il romeno sembra non abbia minimamente prestato soccorso alla coppia ma si sarebbe diretto verso un bar vicino dove avrebbe ordinato una birra consumata tranquillamente come se nulla fosse successo.

Il mancato linciaggio E' un attimo. Lo scontro, la morte, la rabbia della gente. Inerme dinnanzi alla tragedia un gruppo di circa venti persone assiste all’incidente. E quando vede che il romeno entra in un nuovo locale per bere, la folla non ci vede più, non si trattiene e cerca di linciarlo: a salvarlo polizia carabinieri e municipale che lo hanno chiuso dentro un’ambulanza.