Ubriaco sbaglia casa e va in bagno: denunciato

Sembrava fosse successo chissà cosa venerdì pomeriggio in corso Garibaldi 50. Un’intera famiglia spaventata, la polizia in forze nello stabile, un sostanzioso gruppo di curiosi con le facce rivolte all’insù, verso gli ultimi piani. Tutto per un uomo sbronzo. Che, credendo di entrare nell’appartamento di una sua amica si era invece introdotto nell’abitazione al piano di sotto dove vive una coppia di genitori con un bimbo di tre anni e che avevano lasciato la porta aperta. Una volta dentro l’uomo si era tranquillamente accomodato in bagno, piazzandosi sul water con grande naturalezza.
Ad accorgersi di lui era stato proprio il bambino. Entrato in bagno il piccolo, infatti, è stato mandato fuori dall’intruso. «Per favore, esci, non vedi che ho da fare?» gli ha detto lo sconosciuto, che più tardi la polizia ha scoperto essere un argentino di 28 anni con il vizio di alzare un po’ troppo il gomito.
Il bambino se n’è andato, ma è corso dal padre a raccontare tutto. Quando l’adulto è andato a controllare cosa stava succedendo nel suo bagno, l’argentino lo ha ignorato, salvo ripetere anche a lui che voleva essere lasciato in pace.
Il padre del bimbo, allora, ha chiuso la porta a chiave e ha chiamato la polizia. «Venite, c’è un ladro in casa mia, l’ho chiuso nel bagno». Ma il sudamericano non voleva rubare nulla, voleva solo starsene tranquillo sul water. Così è stato denunciato per violazione di domicilio e ubriachezza molesta.