Uccellatore nella rete

Un bracconiere è finito nelle rete delle guardie provinciali. L’uomo, sorpreso in flagrante in alta Val Trebbia con una rete a roccolo e 35 tordi, rischia l’arresto fino a un anno o un’ammenda fino a duemila euro. È stato colto in flagrante mentre stava stendendo il suo «roccolo» per catturare illegalmente uccelli selvatici da utilizzare come richiami venatori ma nella rete della Polizia Provinciale e di due agenti volontari di Enalcaccia e Federcaccia c’è finito lui: gli sono stati sequestrati fucile e le munizioni e ben 35 tordi, bottacci e sasselli.