La uccide a coltellate: «Mi voleva avvelenare»

Ha ucciso la moglie a coltellate mentre questa era nella vasca da bagno in un appartamento di via delle Rondini, a Torre Maura. Per questo Francesco Sciarpelletti, romano di 36 anni, tecnico informatico del ministero della Giustizia nel carcere di Pisa, è stato arrestato ieri sera con l’accusa di omicidio. L’uomo, che a quanto si è appreso soffre di crisi depressive e di manie persecutorie, e che per questo da mesi era assente dal lavoro, ha ucciso a coltellate la moglie, Maria Luisa Rossano, di 42 anni, in un momento di follia. Sciarpelletti ha poi ha telefonato al 113 chiedendo aiuto perché la moglie lo voleva avvelenare. «Mi sono dovuto difendere e l’ho accoltellata», avrebbe detto l’uomo. Quando gli agenti sono arrivati in via delle Rondini hanno trovato la donna già morta nella vasca da bagno, sul pavimento il coltello insanguinato. L’uomo non ha detto nulla ed è stato portato al vicino pronto soccorso di Villa Irma, per essere medicato ad una ferita alla mano. Poi è stato condotto negli uffici della mobile per formalizzare il fermo ed essere interrogato dal sostituto procuratore Orano. I due non avevano figli.