Uccide a coltellate la moglie

Omicidio mentre i carabinieri sfondavano la porta di casa

L’ha uccisa sotto gli occhi dei carabinieri che stavano entrando in casa, per aiutare la donna che aveva in passato denunciato il marito per maltrattamenti. Barbara Pelotti, 32 anni, madre di tre figli piccoli, aveva telefonato in caserma, impaurita dalle minacce di morte dal marito violento, dal quale si voleva separare. Lui, Amerigo Maira, pregiudicato di 34 anni, non si è fatto scrupolo però a sferrarle un coltellata al petto nonostante il sopraggiungere dei militari. E l'ha uccisa con un solo colpo. È successo ieri pomeriggio a Garbagnate Milanese, in un appartamento al sesto piano di via Kennedy 60. La coppia litigava spesso. Due giorni fa l’uomo era stato sottoposto a un trattamento sanitario obbligatorio. Esasperata, Barbara aveva annunciato al coniuge l'imminente separazione. Lui le si è scagliato contro, minacciandola di morte. Intuito il raptus di follia del marito, la vittima è riuscita a contattare i carabinieri pregandoli di accorrere in fretta. Ma nonostante l’intervento rapido dei militari la tragedia non si è potuta evitare: nello stesso istante in cui entravano nella casa, il pregiudicato, armatosi con un coltello da cucina, manteneva la promessa pugnalando la consorte per essere poi arrestato.