Uccide la convivente e la mura in soffitta

Desio, arrestato muratore 50enne. Dopo un litigio strangola la donna e la mura nel sottotetto

Desio - Litiga con la convivente, la strangola e la mura nel sottotetto di casa. E' successo a Desio in provincia di Milano. I carabinieri hanno arrestato G.L., 50enne di origini campane, muratore, ritenuto responsabile dell’omicidio della convivente, una 38enne peruviana, abitante a Muggiò, vicino a Monza, e madre di una bambina di quattro anni. Il 6 giugno, riferiscono le forze dell’ordine, in un’abitazione di sua proprietà a Usmate Velate, dopo una violenta lite, il 50enne ha ucciso la convivente e poi ha chiuso il corpo in un sacco di plastica. Dopo aver provato senza successo a disfarsi del cadavere con l'acido, ha murato il corpo nel sottotetto della sua abitazione. All'origine del raptus omicida, ci sarebbe la rivelazione fatta dalla vittima che la bambina era frutto di una relazione con un altro uomo.

Dinamica Proprio ieri l’uomo aveva denunciato ai carabinieri la scomparsa della donna della quale, già qualche giorno prima, aveva segnalato l’allontanamento senza saperne indicare i motivi. Da subito, però, le dichiarazioni di G.L. non convincono gli uomini dell’arma che iniziano immediatamente le indagini. Così, quando l’uomo si presenta per denunciare la scomparsa della convivente, i carabinieri lo sottopongono a una serie di domande e alla fine confessa di aver ucciso la donna.