Uccide il figlio di 10 anni poi si butta sotto il treno

L’uomo non accettava la separazione dalla moglie

Ferite di arma da taglio alla gola. Poche parole per descrivere come un medico di 53 anni, residente a Lucca, nell'immediata periferia, ha ucciso il figlio di soli 10 anni. Francesco, questo il nome del bambino che ieri ha perso la vita ucciso dal padre, frequentava la quinta elementare in una scuola di Lucca. L'uomo era medico a Pontedera ed ha compiuto l'efferato gesto prima di gettarsi sotto un treno, l'intercity diretto a Torino, intercettato all'altezza della Costanza. Attualmente non pare che l'uomo abbia lasciato spiegazioni e, quindi, la polizia - che conduce le indagini, diretta dal procuratore capo di Lucca, Giuseppe Quattrocchi - non esclude nessuna ipotesi. Tra le varie motivazioni a monte di questo omicidio-suicidio potrebbero esserci dissapori tra il medico e la moglie, anche lei medico. L’uomo non avrebbe sopportato il dolore di una separazione.