Uccide la moglie con un colpo alla tempia. «Un errore, era un gioco sessuale»

È successo negli Usa, in Oklahoma: Arthur Sedille, 23 anni, ha raccontato agli agenti di aver già fatto quella particolare pratica altre volte e di non sapere che la pistola in questione fosse carica. Ora è accusato di omicidio non intenzionale

Strani gusti sessuali che finiscono in tragedia. Questo potrebbe essere ribattezzato il caso della «roulette russa». Ma succede negli Stati Uniti, dove un uomo ha ucciso la moglie con un colpo di pistola alla tempia, dicendo subito dopo alla polizia che si è trattato appunto di un incidente durante un gioco sessuale.
Arthur Sedille, 23 anni, ha raccontato agli agenti di aver già fatto quella particolare pratica altre volte e di non sapere che la pistola in questione fosse carica. In passato, ha spiegato, lui e la moglie avevano «recitato» l'omicidio come eccitante gioco sessuale, senza incidenti.
Sedille ha chiamato la polizia della Contea Canadian (in Oklahoma) appena dopo avere sparato il colpo fatale in camera da letto. Ora è in manette con l'accusa di omicidio non intenzionale.