Uccide la nonna e la getta dal balcone

Un uomo di 35 anni, Maurizio Del Bianco, ieri mattina ha ucciso a Rimini in preda a un raptus la nonna di 93 anni, Natalina Angeli. È accaduto attorno alle 7.30. L’uomo ha colpito l’anziana con una scopa poi l’ha gettata dal balcone, al primo piano della palazzina in via Cuneo dove l’uomo abita con la nonna e la madre, Maria Moretti. L’uomo era da tempo sofferente di un forte disturbo psichico, una schizofrenia paranoica. Gli accertamenti della polizia sono stati coordinati dal Pm Paolo Gengarelli, che ha sentito l’uomo, arrestato con l’accusa di omicidio volontario aggravato. Il trentacinquenne, ha riferito il pm, durante l’interrogatorio è stato calmissimo, freddo, come se nulla fosse successo. Il pm ha deciso di chiedere immediatamente la perizia psichiatrica per l’assassino e ha già disposto l’autopsia, che dovrà stabilire se l’anziana fosse gia morta prima di essere scaraventata giù dal primo piano dell’abitazione. Nel suo racconto l’omicida avrebbe spiegato di aver colpito la nonna con i pugni e una scopa mentre dormiva. L’aggressione è avvenuta di prima mattina: l’uomo viveva con la madre e alla nonna, ma in un’area separata da un muro di cartongesso e isolato da una porta chiusa a chiave. Le due donne infatti non si sentivano sicure, così avevano diviso in due la casa. Non solo: pare che da qualche tempo non vivessero neppure più lì, preferendo andare in affitto d’inverno e invece d’estate spostarsi a Maciano, nel Pesarese, dove hanno una casa.