«Uccidete i leader di Hamas»

Gerusalemme. Il continuo lancio di razzi palestinesi da Gaza è stato esaminato ieri dal governo di Ehud Olmert in un clima di forte pessimismo e anche di recriminazione verso l’Onu per la risoluzione di venerdì sui 19 palestinesi uccisi dieci giorni fa in un bombardamento errato della artiglieria israeliana. Olmert ha detto che l’Onu avrebbe fatto meglio a dirigere la propria attenzione sull’Anp e su Hamas che «indirizzano il loro fuoco sistematicamente sui civili israeliani» piuttosto che su Israele che «invece si sforza al massimo di evitare di colpire civili palestinesi».
Proprio la scorsa notte l’aviazione israeliana ha rinunciato a colpire l’abitazione di un comandante militare dei Comitati di resistenza popolare dopo che questi, preavvertito da Israele dell’imminenza dell’attacco affinché potesse salvarsi, aveva fatto accorrere numerosi vicini di casa in qualità di scudi umani. Anche ieri i miliziani di Hamas hanno indirizzato i loro razzi verso la città di Sderot ferendo in modo grave una persona.
Secondo il Sunday Times il premier Olmert e il ministro della Difesa, Amir Peretz, avrebbero ordinato ai capi dei servizi di sicurezza di assassinare la leadership politica di Hamas. Una decisione presa «nel disperato tentativo di fermare il lancio di razzi sparati da Hamas contro i villaggi israeliani» si legge sul domenicale britannico.