Uccisa a 14 anni dalla pistola del padre

Venerdì sera ha cenato con la compagna del padre, separato dalla madre e in quel momento fuori per lavoro, poi è andata a dormire nella sua stanza. Alle 22,30 Silvia Colombi, 14 anni appena, è morta, uccisa da una pallottola piantata nel cuore. Il proiettile è partito dalla pistola che il suo papà teneva in un cassetto, a portata di mano, perché in quella casa sulla Litoranea che collega La Spezia alle Cinque Terre, non si sentiva sicuro. Diverse volte, infatti, erano arrivati i ladri e lui voleva potere impugnare subito l’arma che invece, grazie ad un destino maledetto, è servita per stroncare la giovane vita delal figlia. Appena sentito lo sparo la compagna del padre si è precipitata nelal stanza dell’adolescente. Ha trovato la ragazzina riversa in un lago di sangue. Ai medici del 118 non è rimasto che constatarne la morte. Sul fatto, che ha suscitato cordoglio e commozione in tutta la Liguria, indagano i carabinieri. Gli investigatori dell’Arma stanno ricostruendo gli ultimi istanti di vita della quattordicenne (...)