Uccisa in casa: arrestati 2 amici di Deborah Rossi

Svolta nelle indagini sul delitto di Deborah Rossi, la ragazza di 20 anni, incinta, trovata uccisa con sette coltellate nel suo appartamento di via Stradella, a Torino. Con l'accusa di omicidio volontario e rapina sono stati arrestati la migliore amica della vittima, Giulia Fiori, 21 anni, e il suo fidanzato Antonio Ferraro, di 18. I due un mese fa erano già stati iscritti nel registro degli indagati perché sospettati del delitto. L'ordinanza di custodia cautelare è stata firmata dal pm Manuela Pedrotta, dopo che la polizia ha raccolto nuovi indizi di colpevolezza sui due. Deborah Rossi fu trovata uccisa mercoledì 20 settembre, ma la morte risaliva ad alcuni giorni prima. L'assassino o gli assassini oltre ad averla accoltellata l'avevano anche colpita al capo con un ferro da stiro. Giulia Fiori e Antonio Ferraro furono gli ultimi a vederla in vita e per questo finirono subito nel mirino degli investigatori. I due ragazzi hanno sempre ammesso di essersi recati a casa di Deborah la sera del delitto, perché dovevano uscire insieme con lei, ma dissero che poi la vittima cambiò idea e loro se ne andarono. Gli orari forniti sui loro spostamenti non corrispondevano però alle dichiarazioni di un testimone.