UCCISE UNA POLIZIOTTA INGLESE TRENT’ANNI FA

Sono passati trent’anni e la Gran Bretagna vuole chiudere un conto aperto con Tripoli. Lockerbie a parte, c’è un’altra questione per cui Londra aspetta al varco Muammar Gheddafi. E la partita starebbe per chiudersi. Avrebbe un nome, infatti, l’uomo che nell’aprile del 1984 uccise Yvonne Fletcher, una poliziotta britannica morta per un solo colpo d’arma da fuoco, partito dall’interno della rappresentanza diplomatica libica a Londra mentre la donna era in servizio fuori dall’ambasciata. Dopo la sua morte, 30 diplomatici di Tripoli lasciarono il Paese in seguito a un ordine di deportazione. Ma nessuno è mai stato incriminato. Oggi - grazie una rivelazione del Daily Telegraph - si scopre che ad aprire il fuoco sarebbe stato Abdulmagid Salah Ameri (identificato da un testimone che lo ha visto sparare), all’epoca giovane diplomatico dell’ambasciata libica a Londra. Scotland Yard pianifica di inviare suoi uomini in Libia per assicurare alla giustizia il presunto assassino.