Uccisero la figlia Ora una molotov contro i genitori

Una bottiglia incendiaria è stata collocata ieri sera in via Vicaria Vecchia, nel quartiere di Forcella, terra di camorra, davanti all'abitazione dei genitori di Annalisa Durante, la ragazza di 14 anni, uccisa a marzo dello scorso anno, durante una sparatoria tra criminali. L'ordigno non ha provocato vittime mentre il papà della ragazza, Giovanni Durante, è stato condotto negli uffici della squadra mobile. Gli investigatori ritengono che la molotov rappresenti una intimidazione nei confronti della famiglia, da mettere in relazione con il processo che si sta celebrando da due mesi presso la quarta Sezione della Corte di assise. Unico imputato, Salvatore Giuliano, rampollo ventenne della famiglia camorristica.