Uccisi in battaglia 200 talebani e quattro canadesi

Kabul. Oltre 200 talebani e 4 soldati canadesi sono rimasti uccisi nei primi due giorni dell’operazione “Medusa”, lanciata dalle truppe della Nato e afghane nella provincia meridionale di Kandahar, dove sabato erano morti 14 militari inglesi in un aereo precipitato.
L’offensiva in corso da sabato nel distretto di Panjwai è la più massiccia mai sferrata congiuntamente da soldati dell’Isaf e locali: vi partecipano circa 2000 uomini. «Sabato ci sono stati bombardamenti aerei, cui è seguito - ha riferito il portavoce del ministero della Difesa afghano Mohammed Zahir - un attacco di terra nel quale abbiamo affrontato il nemico».