Ucciso Azahari: era ricercato per la strage di Bali

da Giakarta

La polizia indonesiana ha confermato ieri la morte di Azahari Bin Husin, originario della Malaysia e uno dei terroristi più ricercati in tutte la regione del Sud-Est asiatico, tra i principali sospetti per l'attentato che il 12 ottobre 2002 fece 202 morti a Bali. Stando a quanto riferito dalle forze dell'ordine, Azahari è rimasto ucciso nel corso di uno scontro a fuoco tra la polizia e un gruppo di presunti terroristi a Giava. L'identità del sospetto è stata confermata grazie ad un esame delle impronte digitali, hanno reso noto le stesse fonti.
L'operazione delle forze di sicurezza indonesiane ha avuto il plauso dell'Australia e della Malaysia, ma secondo vari analisti la morte di Azahari, pur rappresentando un duro colpo per la Jemaah Islamiah, non ne azzera la capacità di compiere attentati.