Ucciso a martellate da due marocchini

Brescia. È stato ucciso da due marocchini, probabilmente per un regolamento di conti, Angelo Bonomini, 49 anni, residente in una frazione di Gavardo in provincia di Brescia. Intorno alle 20 di ieri l’uomo stava viaggiando in auto con il cognato marocchino quando è stato bloccato da un gruppo di almeno quattro nordafricani che lo hanno fermato, colpito a morte con un bastone e a quanto si è appreso con martelli da muratore. Anche il cognato è stato ferito e ricoverato all’ospedale di Gavardo.
Uno dei due fermati presenterebbe lesioni da taglio che si sarebbe procurato durante la colluttazione. Bonomini era noto alle forze dell’ordine in quanto in precedenza era rimasto coinvolto in più rapine e in un omicidio. Anche il cognato a quanto si è appreso non è incensurato. A destare i sospetti degli inquirenti c’è poi la coincidenza di un incendio che ha devastato l’abitazione della vittima a Soprazzocco. Gli inquirenti indagano per capire se possa avere origine dolosa o no.