Ucciso mentre rincasa con la figlia in braccio

Proseguono le indagini per fare luce sull’omicidio di Giuseppe Drago, 32 anni, operatore ecologico con precedenti per spaccio, ucciso l’altra sera con due colpi di pistola e uno di fucile dinanzi alla sua abitazione alla periferia di Scicli (Ragusa). Nell’agguato è rimasta ferita in modo non grave la figlioletta di 10 mesi, che l’uomo teneva in braccio. Ferita alla schiena anche la madre della bambina. Pochi minuti prima dell’omicidio, non lontano, era stato incendiato uno stand di frutta e verdura di cui è titolare un pregiudicato. Per gli investigatori può essere un indizio. A Scicli negli ultimi 10 giorni sono state incendiate sette autovetture. Forse segnali di una guerra tra bande.