Ucciso nel fortino dei clandestini

Una violenta rissa tra un ventina di persone all’interno del famigerato stabile di viale Bligny 42, si è conclusa con la morte di un egiziano di 32 anni, Mohamadin El Fatah Randi, colpito da quattro coltellate, una delle quali al cuore. I carabinieri stanno cercando di capire come sia partito lo scontro e chi vi abbia partecipato, sferrando il colpo mortale al nord africano.
L’altra sera verso le 23.30 la vittima, regolare e incensurato, avrebbe iniziato a litigare con uno sconosciuto fuori dallo stabile. La discussione sarebbe proseguita nel cortile interno e sarebbe diventata presto rissa a cui si sarebbero aggiunte altre venti persone. Avvertiti da alcune telefonate, i carabinieri sono intervenuti in forze, ma al loro arrivo erano tutti fuggiti. A terra il ferito, poi portato al Policlinico dove è morto verso le 9.
Non è la prima volta che lo stabile di viale Bligny 42 balza agli onori della cronaca, nel passato un altro omicidio, ma anche stupri e traffico di droga. «Bisogna seriamente pensare alla confisca» avverte il vice sindaco e assessore alla sicurezza Riccardo De Corato.