Ucciso nel frantoio da una banda di ladri

Non è morto per un incidente sul lavoro. Francesco Lovascio, di 54 anni, originario di Bitonto (Bari). In realtà, è stato ucciso da una banda di ladri che aveva trovato nel frantoio Grumento Nova (Matera) dove lavorava. Lo hanno scoperto i carabinieri che sono riusciti a individuare due dei responsabili. Altri tre sono ricercati. Lovascio, ha smesso di respirare all’ospedale di Bernalda - provincia di Matera - per le ferite riportate durante l’aggressione. Sorpresi dalla vittima mentre tentavano di asportare alcuni macchinari dal frantoio i cinque avrebbero aggredito Lovascio. Uno di loro in particolare avrebbe colpito l’uomo al torace. Poi, resosi conto di quello che aveva fatto, lo ha caricato in macchina per portarlo in ospedale sostenendo che si era trattato di un incidente sul lavoro.