Ucciso nel suo bar per vendetta mafiosa

Si segue la pista di una vendetta mafiosa per l’omicidio di Rocco Aloisi, 56 anni, ucciso l’altra sera a colpi di fucile nel suo bar di Bosco Sant’Ippolito, frazione di Bovalino (Reggio Calabria). Gli investigatori danno poco credito all’ipotesi che l’assassinio di Aloisi si colleghi a un tentativo di rapina e seguono con molta più convinzione la pista della vendetta mafiosa. In particolare gli investigatori stanno verificando il giro di conoscenze della vittima ed eventuali suoi contatti con ambienti della criminalità. Un’altra ipotesi è che il vero obiettivo potesse essere il figlio di Rocco Aloisi, Stefano, che si trovava in una stanza retrostante il bar.