Ucraina, la "pasionaria" Timoshenko è premier

L'eroina della rivoluzione arancione del 2004 eletta primo ministro dal parlamento di Kiev per alzata di mano. L'elezione arriva dopo un voto fallito l'11 dicembre a causa dei franchi tiratori

Kiev - Il parlamento ucraino ha eletto oggi premier Yulia Timoshenko, l’eroina della rivoluzione arancione del 2004 che portò al potere il presidente filo occidentale Viktor Iushenko. Dopo un voto per alzata di mano, Timoshenko ha riportato 226 dei 228 voti su cui può contare la sua coalizione arancione filo occidentale, il numero minimo richiesto per l’elezione. Lo riferisce l’agenzia ucraina on line Unian, precisando che un deputato del blocco filo presidenziale Ucraina Nostra non era in aula perché ricoverato in ospedale mentre un suo collega si è astenuto. Al voto non hanno partecipato i tre partiti di opposizione: il partito delle regioni del premier uscente filo russo Viktor Ianukovich, il partito comunista e il blocco centrista di Aleksander Litvin. L’elezione di Timoshneko alla guida del governo era fallita nel primo voto elettronico segreto dell’11 dicembre per una scheda (225 voti), tra sospetti di franchi tiratori e accuse di blitz elettronici. La pasionaria della rivoluzione arancione era già stata premier per otto mesi nel 2005, prima di essere licenziata da Yushenko, costretto poi ad allearsi nuovamente con la Timoshenko per uscire dal lungo braccio di ferro con Yanukovic.