Ucraina: la Tymoshenko potrà essere curata fuori dal carcere

Ma sembra improbabile che questa parziale concessione basterà all'Unione Europea per sottoscrivere l'accordo di partnership con la Repubblica ex sovietica

Yulia Tymsohenko uscirà dal carcere, ma solo per farsi curare, «verosimilmente oggi o domani», ha promesso il presidente ucraino Viktor Tymoshenko. Dopo giorni di crescente allarme per le condizioni di salute dell'ex premier in prigione, e mentre i negoziati per l'Accordo di associazione con l'Ue entrano nella fase decisiva, da Kiev è arrivata la prima concessione all'ex pasionaria della Rivoluzione arancione.
«Sono stato informato - ha detto il capo di Stato, accusato di essere il vero regista del caso Tymoshenko - che il sistema attualmente esistente (nelle carceri) in Ucraina non ha gli standard richiesti. Di conseguenza, la cura, o i servizi medici, verranno forniti dagli ospedali di Kiev». Difficilmente questa apertura, però, sarà sufficiente a spianare la strada alla firma dell'Accordo di Associazione tra Ucraina e Unione Europea, in agenda in teoria entro la fine del 2011 e sempre più chiaramente appeso alle sorti dell'ex premier incarcerata per abuso d'ufficio.
L'ultimo round negoziale per l'Accordo che introdurrebbe, tra l'altro, una zona di libero scambio, è terminato lo scorso 11 novembre a Bruxelles. Kiev ha ottenuto la revisione dei termini del patto con l'Ue ogni cinque anni, pur se condizionata al consenso di entrambe le parti. L'Ucraina ha poi accettato di emendare le proprie leggi, compresa la Costituzione, in modo da estendere ai propri cittadini la giurisdizione della Corte Penale Internazionale. È stata invece rinviata a un incontro a livello politico la questione di un esplicito riferimento nel testo dell'Accordo alla prospettiva di una futura adesione all'Ue.
Tuttavia, le insistenze ucraine su questo punto sono viste da più parti come un modo per prendere tempo, dato che vari rappresentanti Ue hanno fatto sapere che l'accordo non entrerà in funzione finchè Yulia Tymoshenko resta in carcere.