Udc in piazza contro Prodi (e Casini)

Franco Sala

da Limbiate (Milano)

C’era anche l’Udc in piazza insieme a Forza Italia, Alleanza nazionale e Lega contro la Finanziaria. Tutti insieme, tutti senza eccezioni contro la manovra che strangola il Paese. Alleati e compatti per «non dare tregua al Governo» urla Gian Franco De Cecco, esponente della segretaria lombarda dell’Udc, mentre Ignazio La Russa è più che soddisfatto «per avere trovato in manifestazione anche l’Udc»: «Umberto Bossi è stato il primo a capire che c’era bisogno di ritrovare l’unità della Casa delle libertà e oggi sono contento di avere al fianco anche l’Udc».
Presenza, quest’ultima, che scavalca la linea di Pier Ferdinando Casini (l’Udc il 2 dicembre non sarà in piazza con gli altri partiti della Cdl) e contraddistinta dalle bandiere di un corteo che ha attraversato il centro storico di Limbiate, cittadina a nord di Milano, con tanto di slogan contro Romano Prodi e i suoi ministri che spremono le imprese e gli artigiani, i commercianti e le famiglie. Il leit motiv del corteo? «Prodi, Rutelli e Fassino governo clandestino». Corteo aperto da una bara ricoperta con la fotografia del Professore che, commenta La Russa, è «riuscito a compiere il miracolo in un Paese che sembrava diviso: lui ha fatto ritrovare l’unità perché non c’è nessun cittadino lavoratore o imprenditore che condivida questa Finanziaria». Sì, Prodi è «davvero un mago» perché «ha cercato di dividere il Nord dal Sud e i lavoratori dipendenti da quelli autonomi» ma, afferma sorridente il presidente dei deputati di An, «è solo riuscito a rinsaldare l’unità nazionale».
Applausi dai cinquecento che affollano la piazza del Municipio e che esplodono quando dal palco intervengono sia De Cecco dell’Udc sia l’europarlamentare azzurro Mario Mantovani e il giovane deputato leghista Paolo Grimoldi. Interventi conditi dalla rabbia dei limbiatesi che reclamano a gran voce l’unità della Casa delle libertà anche in piazza a Roma il prossimo 2 dicembre. La risposta è di Sebastiano Lo Verde, dirigente dell’Udc: «È bellissimo stare qui, tutti insieme a urlare un comune dissenso. In piazza tutti insieme perché è indispensabile che tutte le forze del centrodestra dimostrino agli elettori unità d’intenti e uniformità di vedute contro questa Legge finanziaria». Anche La Russa applaude e insieme all’Udc fa sapere che «loro hanno già la lingua fuori e noi abbiamo i piedi pronti per colpire i loro sederi».