Udinese, una vittoria al fotofinish

Roberto Zanetti

da Udine

Non faceva il pieno dal 15 ottobre (trasferta di Siena) l'Udinese di Serse Cosmi che, all'ultimo giro di una partita non certo memorabile, scippa i tre punti al Messina e ritrova fiducia in vista del match di Champions in programma martedì ad Atene contro il Panathinaikos. Assente Iaquinta, acciaccato, è tempo di far esordire il giovane difensore colombiano Zapata, mentre le eventuali chances offensive sono nei piedi della «fanteria cinese» (Di Michele-Di Natale-Barreto). Il Messina, disegnato all'insegna della prudenza, prova invece a ripartire con Di Napoli, assistito dalla fantasia di D'Agostino. La prima conclusione degna di nota arriva al minuto 24: il sinistro da fuori area di Muntari viene però respinto, non senza imbarazzo, da Storari. La replica è affidata a Coppola: De Sanctis, ben piazzato, è sulla traiettoria.
La ripresa si apre con un doppio tentativo friulano: Di Natale prima e Muntari poi tengono viva la concentrazione di Storari. Da parte di siciliani nessuna nuova, mentre Cosmi cerca nuova linfa con Obodo e Rossini. Al 31' è la traversa a neutralizzare una nuova conclusione del solito Muntari. Rossini mette poi Di Natale nelle condizioni di battere a rete: Storari, però, è ben piazzato. Al 42', infine, l'episodio decisivo: corner di Muntari e intervento vincente di Felipe.