Ue, Almunia esclude la recessione

Il
commissario europeo esclude una vera e propria recessione economica
per l’area dell’euro, come quella che rischiano gli Stati Uniti: "Negli scorsi anni le economie europee hanno costruito fondamentali solidi, anche sul
risanamento dei conti pubblici, con risultati molto importanti sul mercato del lavoro dove la
disoccupazione è ai minimi degli ultimi 25 anni"

Davos - Il commissario europeo Joaquin Almunia esclude una vera e propria recessione economica per l’area dell’euro, come quella che rischiano gli Stati Uniti. Eurolandia rischia un rallentamento, ma negli ultimi anni ha costruito fondamentali solidi che le consentiranno di meglio affrontare le perduranti e crescenti tensioni dei mercati. «Per la crescita economica in Europa i rischi sono aumentati», ha riconosciuto Almunia, a margine dell’assemblea annuale del World Economic Forum a Davos, in Svizzera. «Ma negli scorsi anni le economie europee hanno costruito fondamentali solidi, anche sul risanamento dei conti pubblici, con risultati molto importanti sul mercato del lavoro dove la disoccupazione è ai minimi degli ultimi 25 anni. Siamo in una situazione migliore per affrontare questa fase di tensione dei mercati». «Non ci sarà una recessione economica nell’Unione Europea - ha concluso Almunia - ma la crescita sarà più bassa».