«La Ue riconosca l’operato sociale svolto dalla Chiesa»

Città del Vaticano. «Evitare pregiudizi e ideologie». Così monsignor Angelo Bagnasco ammonisce la Ue, chiamata a indagare sui presunti favori fiscali concessi dallo Stato italiano alla Chiesa: «Si riconosca l’opera continua della Chiesa - ha chiarito il presidente della Cei in un’intervista a Radio Vaticana -, che nei secoli ha messo a disposizione dei più deboli le risorse umane e finanziarie». Il rischio è quello di «interessi di parte», che potrebbero portare Bruxelles a dimenticare «la grande caduta a livello sociale dell’opera della Chiesa».