La Ue sull'incarico a Monti:"Un segnale incoraggiante"

Plauso dell'Unione Europea alla designazione dell'economista: "E' un nuovo segnale incoraggiante da parte delle autorità italiane, che hanno manifestato la loro determinazione a superare la crisi attuale". Tremonti: "Dall'Ici potrebbero arrivare 3,5 miliardi"

Bruxelles - Pochi istanti dopo la comunicazione ufficiale del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano della designazione di Mario Monti, arriva il plauso dell'Unione Europea. "E' un nuovo segnale incoraggiante da parte delle autorità italiane, che hanno manifestato la loro determinazione a superare la crisi attuale", lo hanno comunicato il presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso e il presidente dell’Unione Europea, Herman Van Rompuy. La Ue ha poi assicurato che continuerà a sorvegliare gli sforzi dell’Italia per ridurre il suo debito.

La reintroduzione dell’Ici sulla prima casa porterebbe introiti per 3,5 miliardi di euro, lo ha spiegato il ministro dell’Economia Giulio Tremonti nella lettera di risposta ai 39 quesiti posti dalla Commissione Ue. Tremonti parla tra l’altro dell’ipotesi di reintroduzione dell’Ici sulla prima casa. Il consiglio dei ministri dello scorso 24 ottobre ha approvato, in via preliminare, il primo decreto delegato previsto dalla delega fiscale che "prevede diverse forme di tassazione dei servizi erogati dalla municipalità ai residenti". In ogni caso non è pregiudicata "la possibilità di adottare nuove misure legislative per modificare l’attuale quadro normativo. L’aumento stimato nel gettito fiscale dalla reintroduzione dell’Ici sulla prima casa ammonta a circa 3,5 miliardi di euro".