Ufficiale giudiziario in Comune

Stamattina l’ufficiale giudiziario si recherà in Campidoglio per far eseguire coattivamente, come ordinatogli dal giudice per le esecuzioni, la sentenza del Tribunale del lavoro riguardante l’inquadramento nella categoria D/1 di 88 vigili urbani che avevano presentato ricorso, essendo adibiti a compiti di controllo e coordinamento. Finora la sentenza è stata disattesa dal Comune. Nel preavviso consegnato sabato scorso al sindaco si dà informazione dell’accesso che avverrà da via del Tempio di Giove, 3 presso il Dipartimento I (Risorse Umane) e nel contempo si richiede anche la presenza del direttore al Personale, responsabile amministrativo del Dipartimento, che dovrà procedere ad applicare il dispositivo della sentenza. Qualche giorno fa la commissione capitolina competente aveva ascoltato il comandante del Corpo della Polizia municipale Aldo Zanetti; alla seduta avevavo assistito una sessantina di vigili urbani promotori della causa, l’avvocato Paolucci che li rappresenta e Luciano Andreoni dell’associazione Ermes (dipendenti comunali) che hanno affiancato i ricorrenti in tutta la vicenda.