Ugl: «La festa post-indulto richiede controlli sicuri»

«Il ministero dell’Interno vigili affinché una notte di festa non diventi una notte da dimenticare». È la richiesta che la Ugl Ministeri rivolge al ministro Giuliano Amato affinché la Notte Bianca in programma a Roma sabato si svolga in sicurezza. «Da un lato il ministro della Giustizia Mastella apre le porte ai detenuti - spiega il segretario nazionale, Paola Saraceni - dall’altro le amministrazioni comunali e i Beni Culturali aprono le porte ai turisti». Per la Ugl Ministeri, si tratta di «una miscela che preoccupa soprattutto quando i dati relativi ai reati sulle persone e sulle donne sono in aumento». Secondo Saraceni, l’Italia «non può essere ostaggio della delinquenza. Sarebbe opportuno prendere esempio dalle esperienze di alcune città europee che da tempo stanno investendo in politiche di sicurezza urbana, vivibilità e prevenzione. Da noi tutto quello che siamo riusciti a partorire è l'indulto».