Ultima domenica di shopping Mezza città a caccia di regali

Un milanese su due nei negozi per acquisti. Le ciglia finte di Madonna il dono più gettonato in Rinascente. Migliaia di persone da Peck. Pienone in piazza Duomo per la corsa dei Babbi Natale

Marta Bravi

Una domenica movimentata quella di ieri che ha visto un milanese su due affollare, quasi invadere, strade e piazze per concludere la «maratona» dei regali di Natale, che ha impegnato oltre 700mila cittadini solo ieri. A mezzogiorno in piazza del Duomo oltre 3mila persone, tra cui spiccava qualche volto noto come Fiordaliso, i Fichi d’India e Riccardo Fogli, tutti rigorosamente in divisa bianca e rossa hanno partecipato alla passeggiata benefica, il cui ricavato sarà devoluto interamente all’ospedale dei Bambini, Vittore Buzzi.
La domenica di shopping, che ha visto tutti i negozi aperti dal centro alla periferia, grazie alla deroga speciale per il periodo natalizio, è andata molto bene, confermando un 10 per cento di vendite in più rispetto allo stesso weekend dell’anno scorso. «La giornata di acquisti - commenta Giorgio Montingelli, delegato al territorio per l’Unione del commercio - come da tradizione è partita molto rilassata, la maggior parte delle persone, cioè, hanno iniziato a uscire nel pomeriggio. L’affluenza è stata inferiore sicuramente a ieri, del venti per cento circa, ma è stata comunque altissima, basti pensare che in corso Buenos Aires sono passate 350mila persone».
La giornata è andata molto bene anche per la Rinascente che, anche ieri, ha visto passare oltre 100mila persone fin dalle prime ore del mattino: «Abbiamo anticipato alle 9,30 l’orario di apertura - spiega la direttrice Sonia Burgazzi - per evitare le lunghe code che si formavano in questi giorni davanti alle serrande ancora abbassate». Nel tempio del lusso il regalo più gettonato sono state le ciglia finte, recentemente sfoggiate da Madonna nella versione con i brillantini. «Negli ultimi dieci giorni - spiega la direttrice - abbiamo esaurito le scorte, circa 500 scatole, solo oggi (ieri, ndr) ne avremo vendute un centinaio». Gli affari sono andati bene anche da Peck, dove sono entrate e uscite qualche migliaio di persone, che hanno comprato cesti gastronomici da regalare, bottiglie di vino, e delikatessen di ogni genere. E a proposito di dolci, saranno infatti 3,9 i chilogrammi di panettone sulle tavole degli italiani quest’anno, secondo l’Associazione delle industrie dolciarie italiane.
Una Milano scintillante e illuminata quella di ieri. Via Torino, Via Dante, galleria Vittorio Emanuele con le grandi sfere luminose fino a piazza Duomo, trasformata in un’enorme scenografia dai drappi brillanti pensati dallo studio Ravelli Castagna, cui facevano da contrappunto i cappellini di Babbo Natale con le luci in vendita in ogni angolo del centro a solo un euro.
Non solo shopping però. Un centinaio di persone ieri hanno potuto ammirare la città dall’acqua, navigando lungo i Navigli. Famiglie in coda tutta le giornata in alzaia Naviglio Grande 66, davanti all’approdo del battello, che ha fatto per i suoi quattro tour il tutto esaurito, mentre sulle sponde dei canali si svolgeva il mercatone dell’Antiquariato, anticipato a ieri.
Molti i bambini che hanno partecipato alle iniziative di «Milano fa bene» organizzate dall’assessorato al Tempo libero per il periodo natalizio. centocinquanta i bambini a «Natale in cortile» programma di giochi e intrattenimento che si è svolto nell’oratorio di Maria Madre della Chiesa di Gratosoglio dalle 15,30 alle 19. «È stato un successo - dicono gli organizzatori -, i genitori dei bambini delle periferie sono stati felicissimi». Al parco Pallavicino, invece, la giornata era dedicata ai cani e ai loro padroni. Un addestratore, infatti, era a disposizione di tutti i quattrozampe per «iniziarli» all’agility dog, il percorso a ostacoli.
Flop invece per il patinoir di largo Beltrami dove sono passati circa trecento bambini, circa duecento in meno rispetto a sabato, giorno dell’inaugurazione.