Ultimatum del Comune ai negozi del centro: «Ferie? È l’ultimo anno»

Niente di personale. Ma le serrande abbassate e quel cartello che dà l’arrivederci al 30 agosto hanno fatto storcere il naso al neo assessore al Commercio, Franco D’Alfonso. Ingresso della Galleria Vittorio Emanuele, lo storico Caffè Zucca anche quest’anno chiude dal 30 luglio al 29 agosto, «per un meritato periodo di riposo dei titolari e dei collaboratori». Anche quest’anno. Ma dalla prossima estate (magari prima) il Comune potrebbe «regolare» le ferie dei bar, ristoranti e negozi che hanno vetrine di spicco in città. «In futuro - ammette l’assessore - dovremo ragionare su come porre dei vincoli alle chiusure dei locali in luoghi importanti per il turismo e l’immagine di Milano». Non solo piazza Duomo, si riferisce anche «agli assi commerciali nel loro insieme», che «dovranno mantenere la denominazione anche nei mesi di vacanza, garantire quindi le aperture e con un assortimento adeguato, non solo a bar, ristoranti o negozi di abbigliamento, ma anche a librerie ad esempio». Prudente l’Unione del commercio. Montingelli, pensando alla Galleria ricorda che «gli affitti dopo l’aggiornamento dei contratti sono molto elevati e garantire personale tutto agosto ha un costo: si possono trovare forme di accordo sulle aperture, a fronte di aiuti da parte del Comune». Il coordinamento delle associazioni di via monitorerà le aperture nella settimana centrale del mese e premierà i virtuosi con una pergamena. Aumento del 10% sugli incassi in questi giorni rispetto ad agosto 2010.